“Mirò poesia e luce”, a Roma

Fino al 10 giugno 2012, la città di Roma, presso il Chiostro del Bramante, ospita lo straordinario artista spagnolo Joan Mirò. È una mostra unica, poiché saranno visitabili circa 80 opere mai giunte prima nel nostro paese, tra cui 50 olii, bronzi, acquerelli, terracotte, tutti capolavori concessi in via del tutto eccezionale dalla Fundaciò Pilar i Joan Mirò di Palma di Maiorca che conserva molte opere dell’artista.

La storia del maestro è fortemente legata a Maiorca che rappresenta, secondo le sue stesse parole, poesia e luce. “Mirò Poesia e Luce”, difatti il titolo della rassegna. Quello che l’artista d’avanguardia amava trasmettere attraverso la visione delle sue opere era una sensazione fisica che trasfigurava nell’anima. Un linguaggio artistico fatto di macchie, impronte, spruzzi in spazi vuoti e immensi da interpretare e da cui lasciarsi impressionare.

L’aspetto più caratteristico di questo periodo di produzione di Mirò consiste nella sua tecnica di lavoro, dipingeva su quadri poggiati a terra, in posizione orizzontale che gli permetteva di fare a meno del cavalletto verticale, “Quando i miei quadri sono per terra posso camminarci sopra, lavoro sdraiato, a pancia in giù, mi sporco di pittura, mi ritrovo schizzi dappertutto. Quando dipingo accarezzo quello che faccio”, affermava Mirò descrivendo la sua volontà di “scambio” tra sé e i suoi lavori.

La mostra è divisa, cronologicamente e tematicamente, in nove sale da percorrere per ricostruire la produzione di Mirò degli ultimi trenta anni della sua vita a Maiorca, quando egli finalmente riuscì a realizzare il suo sogno di uno spazio tutto suo dove lavorare. In occasione della mostra, infatti, sarà ricostruito lo studio dell’artista all’interno degli spazi espositivi che sarà reso attraverso l’esposizione degli oggetti da lui usati: pennelli, tubi di colore, tavolozze e quant’altro, conservati grazie all’attività di Fundaciò Pilar i Joan Mirò.

La mostra è curata da Maria Luisa Lax Cacho, ritenuta una tra le maggiori esperte dell’artista catalano.

Tags: ,

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!