“Rembrandt Incidere la luce”, i suoi lavori grafici

Continua il programma di valorizzazione culturale delle Scuderie di Castel Visconteo di Pavia con una mostra dedicata all’artista olandese Rembrandt che si inserisce proprio dopo il successo della grande rassegna “Degas, Lautrec e Zando”.

Rembrandt, Incidere la luce. I capolavori della grafica” si terrà dal 17 marzo al 1 luglio.

Rembrandt Harmenszoon van Rijn, artista, pittore, scultore, incisore, ebbe un grosso successo come pittore ritrattista. Dei suoi più grandi capolavori fanno parte soprattutto ritratti, autoritratti e illustrazioni tratte dalla Bibbia. Indubbiamente suoi sono circa 300 dipinti. Eseguì molti disegni ma quelli sopravvissuti sono meno di quelli probabilmente prodotti, un centinaio di autoritratti e circa 20 incisioni.

Caratteristica importante della sua arte fu l’uso del chiaroscuro, l’impiego della luce, da lui nacque la tecnica definita “illuminazione alla Rembrandt”, una particolare tecnica di illuminazione delle parti del viso del soggetto meno illuminate.

La mostra presenta la produzione grafica dell’artista olandese, 40 incisioni tutte provenienti dalla Collezione Malaspina, prestigiosa raccolta grafica.

Alcuni dei capolavori in mostra: Ritratto di Jan Six, Autoritratto con la sciarpa al collo, Autoritratto alla finestra, La morte della Vergine, La stampa dei cento fiorini, Il Faust (facente parte di quelle opere rimaste “enigmatiche” per il loro significato).

Saranno in mostra anche alcuni lavori di Albrecht Durer, celebre maestro tedesco, per testimoniare l’influenza che ebbe su Rembrandt oltre che a testimoniare differenze e somiglianze tra due dei più alti maestri dell’incisione.

L’iniziativa è curata da Laura Aldovini con i Musei Civici di Pavia, promossa dal comune di Pavia, prodotta e organizzata da Alef.

Tags: ,

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!