“Salvator Dalì, un artista, un genio”

Salvator Dalì, il genio del surrealismo, approda a Roma, al Complesso del Vittoriano, con un’esposizione a tutto tondo su “l’uomo e l’artista”, due aspetti che trattando di Dalì sono da sempre fusi e imprescindibili. “Dalì, un artista, un genio” è in mostra da marzo fino a luglio.

La rassegna si propone di ripercorrere il percorso umano e artistico del maestro catalano attraverso l’esposizione di disegni, olii, documenti, fotografie, lettere, oggetti, filmati.

Critico, provocatorio, con un’immaginazione ed un linguaggio artistico estremamente complesso ed elitario, la cui comprensione ricca di simboli e citazioni è tutta da interpretare. L’arte ha gli stessi meccanismi di un sogno, è la manifestazione dell’inconscio, concetto caro al Surrelismo. Le sue tele sembrano rappresentare un “delirio”, elementi onirici, tabù sessuali, desideri e fobie emergono dalla coscienza e si materializzano sulla tela, il “deliro” è incarnato da esseri ripugnanti, animali mostruosi, frammenti, rifiuti, forme ambigue, figure dalle mille interpretazioni e significati. Ogni immagine può risultare, a seconda di come la si guarda, una cosa diversa o più cose insieme, difatti in un suo dipinto un ponte può essere anche il collare di un cane da caccia, un occhio più essere anche un tunnel scavato nella roccia infondo al quale si intravede un orizzonte lontano, una fruttiera di porcellana può anche essere un pallido volto.

Dalì, un artista, un genio”, a cura di Montse Aguer e Lea Mattarella, è suddivisa in varie sezioni, all’inizio del percorso espositivo è possibile ammirare numerosi scatti, spesso ironici, che Philippe Halsman ha dedicato al pittore spagnolo. Si nota, inoltre, quanto Dalì fosse stato affascinato dai grandi maestri italiani come Raffaello, Michelangelo, Picasso. La mostra si chiude con un progetto recente, un cortometraggio, “Destino”, in cui Dalì collaborò con l’animatore Walt Disney.

I capolavori presentati provengono dalla Fundaciò Gala Salvator Dalì , Figueres e vanta della collaborazione di importanti istituzioni museali.

Tags: ,

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!