A Roma una mostra sulle “Cenerentola”

La fiaba di Cenerentola non è una fiaba come tutte le altre, è stata narrata in una centinaia di versioni in gran parte del mondo tanto da considerarsi un esempio di eredità culturale dei popoli, infatti tra i vari testi la trama, pur essendo simile, presenta varie differenze e sfumature che permettono di entrare nella vita quotidiana di una cultura, di un popolo.

La Biblioteca Nazionale Centrale di Roma fino al 31 gennaio 2013 dedica una rassegna a Cenerentola. “Mille e una Cenerentola. Illustrazioni, adattamenti, oggetti consueti e desueti”, è curata da Monika Wozniak e Giuliana Zagra, il titolo sembra ricordare sia la mole di versioni della fiaba sia l’introduzione delle celebri “Fiabe sonore” sui 45 giri. Una mostra ottima per essere visitata da grandi e piccini in occasione delle festività Natalizie.

Il percorso visitativo è diviso in tre sezioni: “Trasformazioni testuali e visive di Cenerentola”, “Cenerentola in musica”, “Cenerentola interculturale”. Ci saranno le “Cenerentola” della tradizione occidentale, quelle d’autore, quelle dei grandi illustratori, quelle delle riscritture moderne, quelle dei pop up di Kubasta e tante altre. La mostra è arricchita da documenti relativi a Cenerentola, costumi, manoscritti, libri rari e preziosi e tantissimi altri oggetti che testimoniano come Cenerentola sia cambiata nel corso del tempo e dei luoghi. Conterrà anche i costumi del teatro dell’Opera per le Cenerentola di Prokofiev e Rossini, le marionette del teatro Lalka di Varsavia, la “scarpetta” creata da Ferragamo per il film “Ever After. A Cinderella Story”, ed ancora proiezioni multimediali, incontri con illustratori di fama internazionale di libri per bambini, laboratori, proiezioni di film basati sulla storia di Cenerentola.

Mille e una Cenerentola. Illustrazioni, adattamenti, oggetti consueti e desueti”, ad ingresso gratuito, terminerà con un’asta benefica dal titolo “I sogni son desideri” dove saranno venduti alcuni degli oggetti in mostra e il ricavato sarà devoluto alla Fondazione “Make a Wish” che realizza i desideri dei bambini malati terminali.

Tags: , ,

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!