ARCOmadrid festeggia i suoi 30 anni d’attività

ARCOmadrid quest’anno giunge a quota 30 anni di attività.
Anni di lavoro intenso che hanno permesso alla fiera d’arte contemporanea spagnola di conseguire un posto importantissimo fra gli eventi artistici sia di respiro internazionale che nazionale.

Nel territorio ispanico ha, infatti, conquistato il primo posto seguita poi da Swab, Barcellona, Arte Santander e altre minori.

ARCOmadrid non offre solo esposizione fieristica, ma anche forum, tavole rotonde di approfondimento e dibattiti tra collezionisti, esperti d’arte, direttori di musei e di biennali, artisti, fondazioni e filosofi.

La rassegna si terrà nella capitale spagnola dal 16 al 20 febbraio. Molte le novità di quest’anno, a partire dal cambio di direttore (ora Carlos Urroz).

Saranno circa 197 le gallerie partecipanti provenienti da 21 Paesi, non solo europei. Dalla penisola italica giungeranno quattro espositori, tutti milanesi: Cardi Black Box, Prometeogallery di Ida Pisani, Riccardo Crespi e, nella sezione Opening, Jerome Zodo.

L’evento è organizzato da IFEMA, istituzione madrilena promotrice di molte esposizioni e prima operatrice nel territorio ispanico e tra le più importanti d’Europa.
Una caratteristica importante è l’accrescimento nella comunicazione digitale, in particolar modo il lancio di un’applicazione gratuita per smartphone e tablet pc scaricabile nei prossimi giorni.
Tale applicazione aiuterà i visitatori interessati a pianificare la propria visita alla fiera e, tra le altre caratteristiche, offrirà la possibilità di vedere tutte le opere in esposizione in ogni spazio fieristico.

L’applicazione per l’accesso professionale alla rassegna, la vendita online dei biglietti e la presenza nei social network completano il quadro delle novità elettroniche offerte quest’anno da ARCOmadrid.

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!