“Argentina. Il gaucho. Tradizione, arte e fede”

 

Dall’elezione pontificia di papa Bergoglio, l’Argentina, il suo Paese, e l’Italia, soprattutto Città del Vaticano, hanno rinsaldato la loro già storica complicità. In quest’atmosfera di legame tra i due Paesi si inserisce “Argentina. Il gaucho. Tradizione, arte e fede”, una mostra fruibile fino a 16 giugno nel Braccio di Carlo Magno in Vaticano.

La rassegna è curata da Roberto Vega Andersen e organizzata da Artifex e dalla regione Marche, terra che nel corso del tempo ha arricchito della sua presenza l’Argentina.

La mostra intende entrare nella storia, nella cultura argentina e raccontarne i tratti peculiari attraverso una ricca selezione di opere prestare per l’occasione da collezionisti argentini. È la prima volta che l’Italia ospita importanti elementi del patrimonio artistico dell’Argentina, sono circa 200 le opere in mostra e sono divise in tre sezioni, la prima sezione è iconografica, dedicata ad una panoramica sui luoghi, le tradizioni, le persone, i costumi argentini, attraverso dipinti, acquerelli, fotografie, stampe, libri, oggetti preziosi dell’arte orafa di quel periodo, manufatti in oro, argenti, smalto, pietre preziose; nella seconda sezione spicca la figura dei Gauchos, ‘uomini a cavallo’, che rappresentano un’importante ‘icona’ nella storia delle pampas del sud America e viene così omaggiata e presentata con immagini, antichi album di foto, acquerelli, stampe, pitture che li ritraggono a cavallo, con cappelli e oggetti che ne testimoniano tra l’altro la vicinanza alla fede cattolica; la terza sezione è dedicata alla memoria del sacerdote Josè Cura Brochero Gabriel del Rosario, il quale ebbe un ruolo fondamentale, portò il Vangelo tra i guachos, riuscì a riunirli nella stessa dimora e a iniziarli agli esercizi spirituali, convertendo alla religione anche i più ribelli, difatti egli “Non aveva ricchezze materiali, la sua ricchezza era spirituale”, espressione non estranea allo stesso attuale papa Francesco, e la mostra sembra essere quasi un augurio al suo pontificato.   

Tags:

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!