Asta d’oro al Palais Dorotheum di Vienna

Fra pochi giorni, esattamente il 2 ottobre, partirà una particolare esposizione al PALAIS DOROTHEUM di Vienna. La rassegna precede l’asta che si terrà dal 12 al 14 ottobre e che metterà in vendita dipinti antichi e del XIX secolo ed oggetti di antiquariato scelti attentamente per una caratteristica originale.

L’asta è, infatti, tutta all’insegna dell’oro e delle tonalità auree. La Madonna con bambino di Lippo d’Andrea, appartenente al primo Rinascimento, ha il fondo aureo; la tela di Calvaert (detto anche Dionisio Fiammingo) ritrae una panca dorata e, infine, il quadro del Guercino dal titolo “Re Davide consegna una lettera ad Uriah” raffigura anche una corona d’oro. Il pezzo più stimato è il capolavoro dell’orientalista Leopold Carl Müller intitolato “Portatori d’acqua egiziani” con tanto di veduta del Nilo ed eleganti monili d’oro. L’opera è datata 1880 ed è stimata 350.000 – 450.000€.

Presente anche il lampadario con delfini dell’artista André Charles Boulle realizzato in bronzo dorato. Il capolavoro appartiene al noto “Ebeniste, Ciseler et Doreur du Roi” ed è uno dei quattro esemplari ad otto braccia conosciuti (gli altri tre si trovano al Louvre, al J. Paul Getty Museum ed al Victoria and Albert Museum). Ancora oro per i bordi di un bicchiere in porcellana di Kothgasser, per un piatto decorato con fiori di Josef Nigg e per l’aristocratico letto baldacchino barocco (con l’aggiunta del rosso). Bronzo dorato poi per la testa del busto in marmo dell’Imperatore Aulus Vitellius attribuito a Nicolas Cordier. Infine, oro associato all’argento per una creazione di gioielli creata verso il 1880.

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!