CANALETTO E I VEDUTISTI. L’incanto dell’acqua

E’ in corso d’opera la rassegna dedicata a Canaletto e ai Vedutisti.

La mostra, iniziata il 21 maggio, terminerà il prossimo 18 settembre ed è ospitata da Palazzo Penotti Ubertini di Orta San Giulio (NO).

‘CANALETTO E I VEDUTISTI. L’incanto dell’acqua’ si incentra sugli artisti del Settecento Veneziano e sul fascino della veduta.

La rassegna è stata curata da Lorenza Tonani ed ideata appositamente per la sede ospitante fronteggiata dall’incantevole Isola di San Giulio.
Scelta del luogo non affatto casuale, poiché l’isola vive dell’acqua e grazie anche ad essa che si rende magica.

Trenta sono i lavori esposti, tra disegni, dipinti ed incisioni dei più importanti artisti del Settecento veneziano tra cui Canaletto, Gaspare Van Wittel, Luca Carlevarijs, Francesco Guardi, Francesco Albotto fino agli epigoni ottocenteschi del genere, quali Luigi Steffani e Giuseppe Borsato.

L’esposizione ruota intorno ad un pregiato nucleo di 7 disegni di Canaletto, proveniente dalla Galleria nazionale d’arte antica di Trieste.

Si tratta di lavori mai resi pubblici e, quindi, di valore inestimabile.

Un omaggio agli artisti che contribuirono a rendere nota ed apprezzatissima la città di Venezia in tutta Europa ed in particolare in Inghilterra.
Fu proprio il mercato di quest’ultima nazione ad apprezzare maggiormente il genere artistico veneziano originando la fama che continuò anche nell’Ottocento.

La Serenissima trionfò così in questi anni, divenendo meta fondamentale per il viaggio d’istruzione (codificato proprio nel XVIII secolo) e i lavori dei vedutisti costituirono un importante materiale per i viaggiatori.

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!