Cartasia 2012

Ultimi tre giorni per Cartasia, la sesta Biennale di Arte Contemporanea incentrata sulla carta. Lucca, Toscana, città dove la produzione cartaria rappresenta un’esperienza ormai consolidata, per circa un mese e fino a questo 29 luglio, è diventata una mostra d’arte a cielo aperto.  Il progetto coinvolte artisti nazionali ed internazionali nella produzione di opere di monumentali dimensioni in carta e cartone. Le opere, selezionate da una giuria, saranno visibili per le strade e le piazze del centro di Lucca e del comune di Porcari. Gli artisti che si contenderanno il premio finale, previsto al termine della manifestazione, sono sette di cui uno fuori concorsoStefania Gianicci, Zsuzsa Horvat, Inés Hubacher, Wioland Jerome, Andrea Marcianò, Mikl Wells, Andrew Scott.

Cartasia per ogni sua edizione propone una tematica che gli artisti in concorso elaborano, il tema scelto per questa sesta edizione è “Crisi e Rinascita”, tematica estremamente attuale in un periodo storico caratterizzato dalla crisi economica e sociale, così l’arte acquista un ruolo quasi salvifico attraverso la quale si ricerca il “cambiamento”, la “rivolta”. Inoltre il materiale stesso scelto per le opere ha a sua volta l’implicita volontà di sensibilizzare a tematiche quali l’ecosostenibilità, il riciclo.

Tre le varie opere in mostra, ad esempio, Mikl Wells presenta “Snowdrop (Bucaneve)“. La particolarità e quindi il significato di questo fiore è che non può “rinascere” nei mesi caldi se non ha attraversato la “crisi” dei mesi freddi. Nella stagione fredda “dorme” stivando l’energia sottoterra ma quando il clima si riscalda il Bucaneve fiorisce grazie allo sfruttamento dell’energia immagazzinata. Questa è la metafora della natura ciclica di crisi e di rinascita: l’una non può esistere senza l’altra. Il bulbo invece è una testa capovolta, dalla quale spuntano foglie e fiori, come fossero nuove idee.

Grazie alla collaborazione con la città di Merz in Francia, nel mese di settembre le opere realizzate per Cartasia si sposteranno nelle piazze della cittadina francese.

Tags:

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!