Christie’s mette all’asta l’autoritratto di Andy Warhol

 

La prossima asta di Post- War and Contemporary Art promossa dalla casa d’aste Christie’s vedrà conteso all’incanto l’autoritratto di Andy Warhol.

La tela è alta e larga 182,9 cm ed appartiene all’importante e memorabile sequenza di serigrafie realizzate nel 1967.
Il capolavoro fu comprato alla Leo Castelli Gallery di New York nel 1974 ed è rimasta finora in mani private.

Sarà, quindi, battuta all’asta con una stima di 3- 5 milioni di sterline.

La foto ritrae l’artista statunitense col mento appoggiato su di una mano e due dita attorno alle labbra.

Nel 1966 per la prima volta l’eclettica figura di spicco del movimento pop art americano adoperò lo scatto per una serie di opere, ma in formato più piccolo ovvero a misura reale.

L’anno successivo ha usato la stessa foto per realizzare 11 opere monumentali in formato quadrato di grandi dimensioni. Ogni lato, infatti, era lungo ben 180 cm.

Sei di questi lavori sono stati collocati nel padiglione americano dell’Esposizione Internazionale e Unversale di Montreal del 1967, evento visitato da dieci milioni di persone.
I capolavori del pop artista spiccavano sulle altre opere presenti ed appartenenti a Jasper Johns, Roy Lichtenstein, Barnett Newman and Robert Rauschenberg.

Cinque delle 11 tele attualmente appartengono alle collezioni dei musei Tate di Londra, MoMA di San Francisco, Staatsgalerie Moderne Kunst di Monaco di Baviera e due al Detroit Institute for Arts.

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!