“Ellenico plurale. Dipinti dalla collezione Sotiris Felios”, la Grecia di oggi.

Nessun altro paese ha avuto come la Grecia un approccio altrettanto conflittuale con l’arte contemporanea. Gli artisti greci contemporanei portano quasi come un “marchio sull’identità” la genialità che ha contraddistinto l’arte greca in passato al punto da farne la culla stessa dell’arte, il punto di riferimento e formazione della stessa coscienza artistica mondiale.

Ma una Grecia con così tanta storia alle spalle è anche una Grecia “contemporanea”.

“Ellenico plurale” è una mostra allestita al Complesso del Vittoriano, a Roma, fino all’11 gennaio 2013 ed avrà il merito sia di “Riportare in Italia lo splendore della Grecia di sempre, quella della cultura” come asserisce l’ambasciatore greco Michael Cambanis, malgrado la crisi socio-economica in cui versa, sia di “dimostrare” quanto e come il linguaggio artistico greco si sia meritato a pieno titolo il diritto alla contemporaneità, sfatando il “pregiudizio” Occidentale che fatica ad immaginare la Grecia fuori dal suo passato.

La rassegna è promossa dalla Fondazione “L’Altra Arcadia” con la collaborazione dell’Ambasciata Greca in Italia, organizzata e realizzata da “Comunicare Organizzando” di Alessandro Nicosia, e curata da Giuliano Serafini.

Ellenico plurale” propone un’ampia panoramica dell’arte contemporanea figurativa dagli anni ’80 ad oggi, presentando 88 dipinti di 25 giovani artisti greci provenienti dalla collezione privata del mecenate, originario di Tripolis, Sotiris Felios, una raccolta frutto di 30 anni di incontri con gli artisti che conta più di 700 pezzi.

La mostra è la prima tappa di un percorso di promozione dell’arte e della cultura greca, le opere fruibili hanno come tematica conduttrice il corpo umano, una visione fisica e metafisica della realtà: ritratti di nudità tormentate, dipinti fissati sulla tela con minuziosa precisione, figure immerse in atmosfere quasi oniriche, il mito rivissuto come sua assenza.

La rassegna offrirà, quindi, una sufficiente testimonianza di una cultura che è riuscita ad essere contemporanea pur restando “riconoscibile nel suo codice genetico”, malgrado la crisi socio-economica, la perifericità rispetto all’Europa, la scarsità di comunicazione con l’esterno e tutte quelle problematiche per le quali la Grecia contemporanea ha faticato ad irradiarsi.

“Ellenico plurale”, ad ingresso gratuito, comprende le sezioni: Tra memoria e realtà, Il corpo estremo, Viaggio oltre, Metafisica dell’essere, L’opera selvaggia, Perversione della rappresentazione, Natura ritrovata.

Tags:

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!