“Guttuso 1912-2012” tutte le ‘sfumature’ del suo ‘900

A cento anni dalla nascita del pittore siciliano Renato Guttuso, Roma gli dedica un’ampia retrospettiva come mai prima d’ora. La mostra intitolata “Guttuso 1912-2012” è esposta al Complesso del Vittoriano e terminerà il 3 febbraio 2013. I curatori hanno in un certo senso voluto riaccendere il dialogo che il maestro ha avuto con Roma per oltre 50 anni, infatti l’artista dopo essersi allontanato dalla sua Sicilia si stabilì nella Capitale che divenne il centro nevralgico sia delle sue relazioni, difatti strinse amicizia con i più grandi maestri della nostra storia come Moravia, Moore, Marzù, Pasolini, Neruda, Treccani, Visconti, traendone molte volte ispirazione, sia della sua produzione poiché vivendo la città ne rappresentò l’aspetto profondo, sociale, politico, religioso in parecchie opere, note sono le sue vedute del Colosseo e dei Tetti di via Leonina.

Guttuso era molto legato all’ultima grande pittura italiana come De Chirico, Morandi, Carrà, Boccioni, e particolarmente affascinato da Picasso, dipinse il ‘900 con colori forti e passionali, proprio come la sua personalità, fu fautore dell’arte come impegno sociale e nessuno come lui riuscì a mettere in pratica l’idea di arte come espressione del pensiero politico.

Il Vittoriano presenta dei capolavori assoluti: dai dipinti carichi di una confusa moltitudine come la Vucciria, i funerali di Togliatti, la Crocifissione, il Caffè Greco, l’antico mercato di Palermo, alle coloratissime nature morte, dal mito vissuto attraverso i ricordi della sua Sicilia, ai ritratti di personaggi quali Moravia, Anna Magniani, Giorgio Amendola, Schifano, alla sensualità dei corpi delle figure femminili come ‘Donne stanze paesaggi oggetti’ e la serie di tele nelle quali ritrasse Marta Marzotto, sua modella, musa ispiratrice per lunghi anni.

Questi e tanti altri capolavori per una selezione di 100 opere tra olii, dipinti, bozzetti, figurini teatrali, che documentano l’intero arco creativo del maestro siciliano in un’esposizione che segue un percorso cronologico.

 

 

Tags: ,

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!