Il Barocco emiliano in “R’accolte, Arte delle Fondazioni on-line”

Fondazione Cassa di Risparmio di Modena partecipa alla mostra “R’accolte. Il Barocco emiliano. Arte e Fondazioni on-line” con opere provenienti dalla propria collezione d’arte. L’iniziativa è stata presentata a Bologna presso la sede della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna dove, fino al 3 febbraio, viene esposto un gruppo di un ventina di opere dedicate al Barocco emiliano, tra queste sono presenti capolavori di Carraci, Guido Reni, Giovanni Lanfranco, Guercino, Guido Cagnacci, Crespi, Gandolfi.

Il progetto “R’accolte” è l’ambiziosa iniziativa cultuale ideata e promossa da Acri (Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio Italiane), si tratta di un database online che censisce le opere d’arte di proprietà di 52 Fondazioni di origine bancaria per un totale di più di 9000 pezzi fotografati e schedati accuratamente secondo parametri che permettono di consultare il database per autore, periodo storico, collezione d’origine e quant’altro, la messa in rete prevede immagini e dati relativi a varie tipologie quali dipinti, sculture, disegni, ceramiche, stampe, numismatica, arredi.

L’azione di tutela e valorizzazione del patrimonio artistico affonda radici nell’attività filantropica delle Casse di Risparmio, “Le Fondazioni di origine bancaria sono i principali nuovi mecenati”, afferma il Ministro Ornaghi. Senz’altro rappresentano un importante punto di riferimento. Il data base, in progressivo aggiornamento e incremento, permette oltretutto una maggiore diffusione, quindi, e conoscenza del patrimonio storico-artistico delle Fondazioni, “R’accolte contribuisce a valorizzare la cultura dando nuova vita a collezioni in precedenza mai fruibili al pubblico, fornendo alle città italiane l’opportunità di scoprire parti della loro cultura, tradizione, patrimonio”, continua Ornaghi.

Tags:

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!