“Il giardino dell’arte” di Roberto Viviani

Nella splendida cornice della Sala Carlo V del Maschio Angioino, Napoli, il pittore Roberto Viviani espone la sua sessantacinquesima personale, tra l’altro in occasione dei sessanta anni della sua attività artistica.

L’esposizione dal titolo “Il giardino dell’arte” mostra una raccolta di 30 opere, olio su tela, attraverso le quali Viviani racconta quella che è una sua grande passione, l’elemento costante della sua produzione spesso protagonista della sua arte: la Natura, oltre all’arte statuaria per la quale si ispira a miti classici e orientali di luoghi e tempi passati.

Un’arte che pare la trasposizione pittorica della sensibilità dei filosofi e degli scultori dell’Ellade arcaica, talora dei decoratori di vasi etruschi o dei tanti uomini geniali del mostro Rinascimento”, afferma un critico esprimendosi riguardo l’arte di Viviani.

La pittura di Roberto Viviani nel corso dei suoi sessanta anni di attività ha subito crescite e trasformazioni pur conservando quelli che sono i presupposti base dell’arte figurativa. La successiva fase della sua attività comprende opere che testimoniano il suo amore per il mondo vegetale che trasposto sulla tela sembra quasi respirare di vita autonoma. Compone anche opere in cui propone delicate immagini femminili alle quali sono accostati frammenti scultorei e archeologici, ma negli anni successivi questi frammenti si svincolano dalle figure femminili e diventano elementi protagonisti delle tele, immersi nella Natura.

Nella mostra pittorica “Il giardino dell’arte” Viviani testimonia oltretutto la vivacità cromatica, elemento distintivo della sua arte e nello specifico delle immagini proposte ai visitatori.

La mostra sarà disponibile fino al 30 settembre e sarà inserita nelle “Giornate Europee del Patrimonio” a cura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali programmate per il 29 e 30 settembre.

Tags: ,

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!