L’altra faccia- Autoritratti contemporanei tra Italia e i Paesi Bassi

L’altra faccia- Autoritratti contemporanei tra Italia e i Paesi Bassi.

Questo è il titolo della rassegna che è stata inaugurata il 28 maggio scorso e sarà visitabile fino al 25 settembre presso le Gallerie dei Gerosolimitani di Perugia, in via della Sposa.

L’evento è stato organizzato da Rob Smeets, il quale ha pensato all’evento come un’esposizione completa relativa all’autoritratto contemporaneo tra l’Italia e i Paesi Bassi.

I partecipanti alla rassegna sono ben 27 tra pittori e scultori, sia italiani che olandesi.
Le personalità dei singoli artisti sono messe in risalto, non solo attraverso una raffigurazione fedele ma anche per mezzo dell’accentuazione dei caratteri e delle anime.

L’intento della rassegna (come già si intuisce dal titolo) è quello di rivelare l’altra faccia dell’artista la quale rimane allo stesso tempo vicina e lontana.

E’ dal Medioevo che questo complesso narcisistico si riflette nella tradizione degli autoritratti. Essi sono il frutto del perpetuo impulso dell’uomo di ricercare la vera identità, la verità oltre il volto.
Vengono a galla così la fragilità, l’ironia, la devozione, la solitudine, lo sconforto e l’orgoglio professionale.

Caratterizzate da fine painting, impressionismo ed espressionismo, i lavori esposti sono stati realizzati dai maggiori esponenti dell’arte ritrattistica contemporanea ovvero: Philip Akkerman, Arnout van Albada, Agostino Arrivabene, Giuseppe Bergomi, Karel Buskes, Lorenzo Fonda, Giorgio Forattini, Federico Guida, Adelchi-Riccardo Mantovani, Claudia Marchetti, Hermann Markard, Andrea Martinelli, Marco Mazzoni, Dennis Møgelgaard, Neil Moore, Pieter Pander, Alessandro Papetti, Tullio Pericoli, Rein Pol, Peter van Poppel, Massimo Pulini, Jaap Roose, Livio Scarpella, Doriano Scazzosi, Piet Sebens, Fokko Timersma e Gerrit Wijngaarden.

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!