La Mela nell’arte

Dalla provincia di Asti, Piemonte, parte una rassegna di pittura e scultura che si occupa di un argomento molto caro alla storia dell’arte “La Mela nell’arte”, il titolo.

La mostra è itinerante: fino al 21 luglio era allestita a Bubbio, mentre successivamente e fino al 31 agosto sarà al Monastero Bormida, sempre in provincia di Asti, ed infine si sposterà facendo tappa a Torino al Mausoleo della Bela Rusin fino al 29 settembre.

L’appuntamento è organizzato dall’Associazione Nichelin Art Nuova.

L’obiettivo di questa mostra è quello di far luce sull’origine dell’arte, della pittura che non è fatta dalle Gallerie o dai Musei ma dagli uomini, uomini che con pennello e tavolozza scendono in strada, nelle campagne, osservano quelli che sono i colori e i segni della natura e li ripropongono e creano.

La mela, il pomo, simbolo importante già dalla mitologia greca, poi romana, il suo significato e la sua iconografia è stata riproposta nel medioevo, nel rinascimento, nell’età moderna, nell’età contemporanea, una figura per così dire “immortale” e ricorrente sia nel “mito” sia nel “destino umano”.

In esposizione saranno dipinti e sculture di 24 artisti quali: Katia Allasia, Elvira Barcellona, Giulio Benedetti, Mirella Bonin Rolland, Simona Cellerino, Luigi Carboni, Carla Chiapusio, Mara Destefanis, Daniela Di Stolfo, Irene Ferrero, Erminia Gebbia, Assunta Iannone, Ilario Inglesi, Anna Maria Lamberti Pizzi, Elisa Mariazzi, Graziella Merante, Livio Moschietti, Rosangela Murro Catalano, Giuseppe Rovera, Pasquale Rignanese, Stefano Rollero, Pino Scarfò, Claudia Tafuni, Giovanni Tarussio.

Tags: , ,

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!