La poetica di Skype e dei pixel in “Screenshots”, l’ultimo lavoro di Margot Knight

L’artista americana Margot Quan Knight presenta il suo nuovo progetto, “Screenshots”, al Gagliardi Art Sistem Gallery, Torino. 

A far da “protagonista” nell’ultimo lavoro della Knight sono elementi quali la percezione visiva della luce, realizzata attraverso la poetica dei nuovi mezzi di comunicazione come Skype, sempre più di uso comune, e dei pixel. Le immagini sgranate e frammentate delle video chiamate vengono riprodotte dall’artista con dei pixel dipinti su tela. Ad una prima occhiata la tela risulta “ingannevole” poiché sembra sia l’ennesima semplificazione degli elementi figurativi, in questo caso “bianco su bianco”, tipica dell’arte suprematista. E invece, ci si accorge che ad una particolare inclinazione dalla tela “vien fuori” l’immagine. E si tratta di un fermo immagine di volti, espressioni, tipiche della più quotidiana e comune gestualità, che Margot ha immortalato da alcune conversazioni tenute con persone a lei care su Skype.

Screenshots  è una mostra di forte impatto emozionale, così come tutti i lavori precedenti pieni di un simbolismo comunicativo, dove l’artista fonde la fotografia con interventi e manipolazioni per giungere ad un’espressione totalmente personale. “La tecnologia digitale ha avuto un enorme impatto sul mio lavoro, ha permesso al mio pensiero creativo di muoversi più veloce e in maniera più libera. Con questo supporto mi è stato possibile spingermi oltre con le mie idee”, spiega Margot in un’intervista.

Screenshots è visitabile fino al 21 luglio.

Tags: ,

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!