“Laura Zeni… che Meraviglia!”

Il ritmo del mondo è scandito da ore, giorni, mesi, stagioni, e la mente umana si muove attraverso il tempo, attraverso i suoi spazi, i suoi vuoti, le sue metamorfosi, così che la “testa” rappresenta un luogo sacro dove l’universo si conserva e si moltiplica trovando in essa la forma, creando memorie, storie che diventano coscienza. E’ attraverso le speculazioni della mente che è possibile raggiungere luoghi inaspettati ed improvvisamente esclamare: che Meraviglia!

Questa la base della poetica delle opere di Laura Zeni, artista poliedrica, che dal 22 novembre al 13 dicembre espone la sua personale “Laura Zeni… Che Meraviglia!” presso gli spazi della Sala Colonne della Banca Internazionale a Milano.

Assolutamente un gioco, ma anche una filosofia, per imparare a stabilire un contatto tra il mondo interiore e quello esterno, inducendo riflessioni sulla propria condizione e la possibilità di elevarla in una dimensione di profonda serenità. I quadri di Laura Zeni funzionano come i fiori di Bach, hanno un carattere preventivo e raggiungono gli effetti desiderati senza conseguenze collaterali.” queste le parole del curatore Fortunado D’Amico che descrive “l’universo equilibrato” delle creazioni dell’artista. In mostra si potranno ammirare una trentina di lavori, opere su carta in bianco e nero e a colori, lavori in tecnica mista, stampe su tela, creazioni dal 2010 al 2012 ma rappresentative del suo percorso artistico iniziato negli anni ’80.

La costante delle opere di Laura Zeni è il profilo di una testa che si ripete in 999+1 varianti, con diversi stili e materiali e seguendo precise direzioni cardinali. La stessa sagoma ma reinterpretata ogni volta in maniera sempre nuova, con matite colorate, pennerelli, pastelli, a riflettere l’infinità delle storie e delle memorie che si susseguono nella mente umana. Queste opere messe insieme costituiscono un universo equilibrato e sortiscono sul visitatore un effetto “riequilibratore“: sanano squilibri e propongono uno stato di costante positività reimpostando il pensiero, questo grazie anche ai materiali e alle tecniche usate dall’artista per il suo mondo creativo. Osservando, meditando i profili di queste teste ognuno sarà libero di riconoscersi in una delle mille forme di pensiero.

Tags:

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!