Le leggende di Napoli al Castel dell’Ovo

Si è conclusa ieri nella sala delle terrazze del Castel dell’Ovo di Napoli la mostra di arte contemporanea Nel ventre di Napoli tra miti e leggende, curata da Giovanna D’Amodio presidente dell’associazione Arteggiando.

Le opere esposte, tutte di artisti contemporanei, avevano un unico filo conduttore: i miti e le leggende sulle origini della città di Napoli e della sua poplazione.

Scultura e pittura insieme a formare l’immaginario che sta alla base della cultura e delle superstizioni partonopee. Una fusione tra religione ed esoterismo, il miracolo del sangue di San Gennaro da un lato e la storia del munaciello, lo spiritello malvagio che infesta le case dei napoletani, dall’altro.

Particolarmente interessanti le opere raffiguranti la sirena Partenope, ma anche l’uovo sul quale, secondo la leggenda, sarebbe stato costruito il Castel dell’Ovo, e dalla cui integrità dipendono le sorti di Napoli.

Una mostra particolare quindi nonchè internazionale, presenti infatti anche i lavori di artisti stranieri, che hanno voluto dare una loro visione della città campana. L’esibizione ha rappresentato un modo come un altro quindi per far arrivare la nostra cultura in tutto il mondo, attraverso un canale, quello dell’arte, comprensibile da tutti.

Tags: , , , , ,

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!