“Le Vie dell’Acqua”, sculture ed istallazioni: l’acqua secondo Franca Ghitti

 

Nel pieno spirito estivo si inserisce la mostra “Le vie dell’acqua” di Franca Ghitti, curata da Renato Gentile. La mostra, con protagonista l’acqua vista e ‘sentita’ attraverso gli occhi dell’artista, è fruibile fino al 26 settembre presso il Castello Scaligero di Sirmione, cittadina della provincia di Brescia che primeggia in attività del turismo ed acque termali.

Se nel VI secolo a.C. era Talete, considerato il primo filosofo del pensiero occidentale, a sostenere che l’Archè, ovvero l’Elemento Primordiale origine di tutte le cose, fosse l’Acqua, oggi è Franca Ghitti a pensare all’Acqua come elemento base, energia vitale per la natura e per l’uomo, “agente naturale di un’azione eterna e anonima che interviene sulle cose secondo modi assimilabili a quelli sella scultura”.

Attiva dagli anni ’60 del Novecento, l’artista progettuale e concettuale, sviluppa da subito un’idea di scultura ecologica nella quale vede protagonista l’acqua in stretta relazione con il territorio, attraverso la sua arte l’acqua viene evocata come senso, leggerezza, ritmo infinito, azione e movimento ripetuto ma non viene mai direttamente rappresentata. Franca Ghitti, da sempre interessata per le sue istallazioni a materie quali legno, ferro, carta, cartone, chiodi, propone per la mostra di Sirmione una serie di lavori, circa 30 tra sculture e istallazioni realizzate negli ultimi 30 anni, in legno come: Bosco Bruciato, oppure in ferro come: Albero, Cascata, Acqua, Pioggia, Vele, Onde ed altro.

Le Vie dell’Acqua” è organizzata dalla Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici di Brescia, Cremona e Mantova e in collaborazione con l’Archivio Franca Ghitti.

Tags:

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!