Maria Cristina Carlini a chiudere il ciclo “Scultori a Villa Recalcati”

Maria Cristina Carlini dal 22 luglio al 26 agosto esporrà le sue sculture nella settecentesca Villa Recalcati a Varese, sede rappresentativa della tradizione scultorea di Varese. La personale dell’artista va a chiudere il ciclo triennale del progetto “Scultori a Villa Recalcati”, programma a cura di Flaminio Gualdoni ideato per la valorizzazione artistica del territorio e che ha proposto nel corso del tempo cinque mostre personali di artisti legati al territorio varesino: Giò Pomodoro, Giancarlo Sangregorio, Vittorio Tavernari, Nino Cassani. La mostra di Maria Cristina Carlini, unica artista donna del progetto, va così a concludere il percorso.

Sculture monumentali all’interno del parco, e lavori di grandi e medie dimensioni realizzati in diversi materiali da ammirare all’interno della villa. I materiali scultorei adoperati dalla Carlini vanno dal legno al ferro, dall’acciaio alla resina al grès. Tra le opere in esposizione troviamo quelle realizzate tra il 2004 e il 2012 le quali rappresentano il fulcro della carriera dell’artista, inoltre ci saranno parecchi inediti realizzati appositamente per l’occasione. Tra gli inediti esposti in esterno: Isole nella corrente realizzata in grès e acciaio corten, Bosco una scultura creata in ferro, Soglia in acciaio corten, Giardino di pietra in acciaio e resina, Torre di Babele in legno, polistirolo, malta. Le opere in esposizione all’interno della Villa: Pietra, Gaza, La dance, Stracci, Muro, Alcatraz.

Flaminio Gualdoni nel descrivere la personale dell’artista parla di una mostra che innesca “condivisione”,  “partecipazione”, tra artista e spettatore, tra “fisicità dell’opera” e “fisicità del visitatore”, oltre che la semplice meraviglia generata dalla fruizione.

Tags: ,

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!