Nuovo splendore per l’imperatore Caligola, il Museo delle Navi Romane ne reinterpreta la figura

 

Dal 5 luglio, al centro del Museo delle Navi Romane di Nemi: la storia di Caligola, ma ‘riletta’ da un’altra prospettiva.

Caligola fu il terzo imperatore romano appartenente alla dinastia Giulio-Claudia e regnò dal 37 al 41. Non ci sono state tramandate molte fonti sulla sua persona se non classici che lo descrivono come l’imperatore pazzo, despota sanguinario e stravagante, come gli scritti di Svetonio che tendono a focalizzare l’attenzione su aneddoti della sua presunta crudeltà piuttosto che sui suoi fasti. L’imperatore morì assassinato da un gruppo di sue guardie e presumibilmente tutto di lui fu distrutto dai successori per cancellarne la memoria, come le due navi appartenutegli, affondate nel rispetto della damnatio memoriae.

A Nemi rivive ora il suo impero, “Caligola, la trasgressione del potere” è il titolo della mostra che inaugura il nuovo allestimento della collezione sul lago e che intende andare oltre le descrizioni stereotipate dell’imperatore per far luce sulla storia delle origini, sui suoi successi e il loro sviluppo, sulle personali caratteristiche che lo distaccano dagli altri membri della sua dinastia.

La mostra è di specchio un’occasione anche per il Museo, costruito nel 1936 in forma di arsenale a Nemi abituata a fare i conti con sfortuna, oltraggi del tempo, damnatio memoriae, tombaroli, trafugamenti, che grazie all’allestimento progettato recupera ‘giustizia’ e contemporaneamente ne rende. Fulcro di “Caligola, la trasgressione al potere” è la statua gigantesca ma acefala dell’imperatore, ritrovata due anni fa dal Nucleo Fiamme Gialle dopo essere stata trafugata dai tombaroli. La statua, poi restaurata da Roberto Civetta, ritrae l’imperatore romano alto due metri in trono con ai piedi la ‘caligola’, la scarpa dei legionari che gli diede il soprannome di ‘Caligola’ con cui è conosciuto.

L’esposizione ha sa subito reto nota la sua intenzione di ‘rilettura’: all’inaugurazione uno spettacolo teatrale ha reinterpretato la figura dell’imperatore nel “Processo a Caligola”, dove l’archeologo Filippo Coarelli ha dato voce traendone le conclusioni.  

Tags: ,

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!