Palermo “Felicissima” approda in Cina

Sarà la città di Palermo, snodo del Mediterraneo, “Porta d’Europa” per il sud del mondo, a rappresentare l’Italia per la nona edizione della Biennale di Shanghai.

I curatori della Biennale, Jens Hoffman, Borys Groys, Qiu Zhijie, quest’anno hanno deciso di selezionare 30 città del mondo per il progetto “City Pavillion”, nuovo format che questa volta presenta non la produzione nazionale ma la singola città. San Francisco, Barcellona, Berlino, Hong Kong, Londra, Vancouver, Mosca, sono solo alcune delle città che esporranno e si racconteranno nell’ex centrale elettrica di Nanshi Power Plant, uno spazio di 41.000 metri quadrati, destinato a diventare il futuro museo d’arte contemporanea della città cinese.

La mostra durerà fino a fine 2012 e per la città di Palermo vedrà “sfilare” l’arte di 11 artisti locali ed internazionali legati al capoluogo siciliano, che attraverso i loro lavori ne rappresentano l’identità. Per l’occasione la città è stata intitolata “Palermo Felicissima”, chiaro è il rimando allo scritto di Basile che nel ’32, frugando tra miti, racconti, ricordi, strade, personaggi, descrisse la sua Palermo, “Felicissima, ma non troppo”, con toni da osservatore appassionato, certamente innamorato, ma disincantato dalle problematiche cui spesso la città era soggetta.

Numerosi sono quindi i linguaggi artistici scelti per la manifestazione: dall’arte contemporanea al teatro, dalla performance alla scultura, dalla danza all’istallazione all’arte visiva.

“Palermo Felicissima” è curata da Laura Barreca e Davide Quadrio.

Tags: ,

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!