Pioggia di rane a Milano: ‘Pienadirane’, la nuova performance del Cracking Art Group

A Milano per il periodo dal 10 aprile al 20 maggio, in concomitanza dunque con il Salone del Mobile e con il FAN, Festival dell’Acqua sui Navigli, è preannunciata una pioggia di rane. Il capoluogo lombardo non diventa il set di un film di fantascienza, bensì ancora una volta luogo per le spettacolari performance del Cracking Art Group.

Il Cracking Art Group, nato nel 1993 e composto attualmente da 6 artisti di provenienza internazionale, si propone da sempre come un gruppo d’arte ‘di rottura’, proprio come già annuncia il nome ‘Cracking Art’, ‘rottura’ intesa come ‘cambiamento radicale’ dell’arte attraverso un forte impegno sociale ed ambientale e il rivoluzionario uso di materie plastiche, evocative di un rapporto sempre più stretto tra realtà naturale e artificiale, infatti ‘Cracking’ è il processo che serve a trasformare il naturale in artificiale, l’organico in sintetico, da qui la scelta della plastica riciclabile e rigenerata come materia delle istallazioni, riciclare la plastica e farne opere d’arte è espressione di una particolare sensibilità nei confronti della natura. Con questa ‘filosofia’ il Cracking Art Group ha ‘invaso’ i luoghi più vari come strade, piazze, centri commerciali, musei, rassegne d’arte contemporanea, con il mondo fantastico e surreale delle sue istallazioni, la zona del Duomo di Milano fu conquistata lo scorso autunno da Chiocciole, prima ancora da Delfini e Coccodrilli rosa nel centro storico, in questa primavera saranno Rane ad affollare la Darsena dei Navigli, più precisamente queste colorate creature in plastica rigenerabile pioveranno dalle sponde e dai ponti nelle acque dei Navigli.

Una scelta, quella del creativo gruppo di artisti, che rievoca un fenomeno reale, anche se riproposto in chiave artistica, impossibile non collegare la mente alle testimonianze reali della pioggia di rane presenti in varie fonti, dalla letteratura antica alle documentazioni moderne, alle annesse spiegazioni religiose, scientifiche, non scientifiche, ma anche alla cultura popolare come il racconto ‘La stagione delle piogge’ di Stephen King, o il film ‘Magnolia’ di Anderson.

Altre rane più grandi saranno collocate invece sui balconi e negli angoli più caratteristici di Naviglio Grande, Darsena, Naviglio Pavese, tra Milano ed altri comuni attraversati dal sistema dei canali.

A conclusione della performance, dal titolo ‘Pienadirane’, Cracking Group donerà mille sculture di piccole dimensioni al Consorzio dei Navigli, ente promotore dell’evento, come avvenne per la scorsa istallazione di Chiocciole al Duomo. Le opere saranno poste in vendita e il ricavato sarà impiegato come contributo per la ricostruzione di uno dei luoghi storici della città, la Chiuse Leonardesche della Conca dell’Incoronata.

Tags: , ,

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!