“Pompei non sarà commissariata dall’Unesco” ed è allarme sicurezza per il sito archeologico

Continuano le polemiche dopo il crollo del muro romano di Pompei. “Pompei non sarà commissariata dall’Unesco, non è nelle intenzioni o nelle facoltà dell’Unesco e non lo avremmo permesso perché la legge non lo consente“, smentisce così Riccardo Villari, sottosegretario ai Beni Cuturali, la notizia apparsa su alcuni giornali secondo cui l’Unesco si vorrebbe occupare in modo diretto del sito archeologico campano.

Sembra non ci sia pace per Pompei, dopo il crollo avvenuto a novembre scorso della Domus dei Gladiatori, della parete della Domus del Moralista e di altre varie parti murarie, sabato 22 ottobre si è verificato il cedimento di una parte di un muro romano realizzato con la tecnica “opus incertum”. Il crollo è avvenuto nell’area nord degli scavi, nei pressi di Porta di Nola e ha riguardato lo strato delle mura di cinta di Pompei, dal lato che guarda all’esterno della città, a terra ci sono circa un paio di metri quadrati di macerie . “La stabilità della struttura non è in alcun  modo compromessa dal crollo”, afferma il personale della Sovrintendenza Archeologia di Napoli e Pompei. Il cedimento sarebbe avvenuto per cause accidentali ma, come per i precedenti crolli, la pioggia degli ultimi giorni potrebbe avere avuto un ruolo determinante. La polizia giudiziaria ha posto sotto sequestro l’intera area interessata.

Ad inizio ottobre, Villari, in vista delle prime violente piogge, aveva lanciato l’allarme per un definitivo piano di messa in sicurezza di Pompei. Annuncia l’idea di stringere una collaborazione più stretta con l’Organizzazione delle Nazioni Unite “Il 28 e 29 novembre andremo a Parigi a firmare una convenzione che ci unisca per fare qualcosa in positivo per Pompei.”

Giancarlo Galan, ministro per i beni e le Attività culturali, assicura che “C’è la più assoluta attenzione da parte del Ministero verso Pompei. E’ la nostra priorità. Mercoledì 26 ottobre sarò a Pompei con il commissario Hann per mostragli la situazione e sbloccare il finanziamento europeo di 105 milioni da destinare ai lavori di restauro e sicurezza nel sito.”

Tags: , , , , , , , , , , ,

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!