Premio Cairo 2011 vinto da Giovanni Ozzola

È il fiorentino Giovanni Ozzola il vincitore della dodicesima edizione del Premio Cairo, progetto indetto da Urbano Cairo nel 2000 per dare spazio e valorizzare la giovane arte italiana. Segnalato tra i finalisti da Cristiana Collu, uno dei critici invitati, il giovane Ozzola vince con l’opera inedita intitolata Don’t ask me ask yourself composta da due stampe digitali di 150 x 265 ciascuna che rappresentano un varco, un bagliore. È la luce il soggetto delle grandi stampe digitali dell’artista, che viene studiata e fotografata nei suoi diversi momenti durante una giornata, momenti che si propongono di giorno in giorno apparentemente sempre uguali ma in realtà sempre diversi e incomparabili.

Come già per gli anni scorsi, il comitato di selezionatori è composto da 10 personalità del mondo dell’arte contemporanea scelti tra direttori di musei, giornalisti, critici chiamati a selezionare i 20 artisti, tutti al di sotto dei 40 anni di età, che parteciperanno e si contenderanno la vittoria finale. A differenza degli anni scorsi dove ogni artista presentava due opere, una di repertorio e un’altra inedita creata appositamente per il progetto, per questa edizione è stata richiesta la realizzazione di un progetto site-specific. Il Premio prevede un allestimento variegato: scultura, pittura, fotografia, installazioni, video, il tutto esposto nelle sale del Palazzo della Permanente di Milano, che come di consuetudine ospita tutte le opere degli artisti partecipanti.

Gli artisti partecipanti: Francesco De Molfetta, Iva Kontic, Dario Guccio, Michele Guido, Roberto Amoroso, Eugenio Tibaldi, Emanuele Becheri,Giovanni Ozzola, Fatma Bucak, Coniglioviola, Svitlana Grebenyuk, Cristiano Tassinari, Laura Giardino, Giuliano Sale, Guglielmo Castelli, Gaia Scaramella, Riccardo Benassi, Laura Perilli, Umberto Chiodi, Matteo Fato.

Per il secondo anno consecutivo l’edizione è stata curata da Luca Beatrice, dopo l’edizione tanto discussa del 2009 dove venne revocato il premio alla vincitrice a favore del secondo classificato Pietro Ruffo, a causa della violazione del regolamento che prevedeva la presentazione di un’opera inedita.

Quest’anno la mostra è aperta al pubblico dal 28 ottobre al 1 novembre al piano superiore del Palazzo della Permanente, via Turati 34, Milano.

La Giuria che ha decretato il vincitore è stata composta da: Flavio Arensi, Michele Bonuomo, Guido Curto, Gianfranco Maraniello, Marco Pierini,  Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, Stefano Zecchi.

Tags: ,

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!