“Queste opere sono sull’orlo di qualcosa, tra una forma e l’altra”, l’arte di Angela de la Cruz

È dalla necessità di superare il tradizionale concetto di pittura e scultura che nasce l’arte di Angela de la Cruz, artista ospitata alla Lisson Gallery di Milano fino al 17 maggio.

Le sue opere sembrano esprimere qualcosa di autobiografico, sembrano aver patito, e nonostante questo sono diventate opera d’arte, proprio come Angela de la Cruz, semiparalizzata a causa di un aneurisma cerebrale ma capace di piegare la sua vita, la sua passione, i suoi lavori, alla sua volontà.

Verso la metà degli anni ’90 la necessità di trovare una dimensione ‘altra’ la spinge ad un esperimento: distruggere il supporto ligneo, di modo che i confini dell’opera non fossero più delineati da una cornice ma dall’ambiente circostante, quasi in un gioco di scambi, in un ‘tutt’uno’. Pittura e scultura finiscono per fondersi e confondersi, il dipinto si comprime e si evolve in un lavoro a tutto tondo e spesso le opere finiscono per incorporare oggetti d’uso quotidiano.

Per le sue ultime opere, esposte nella mostra milanese, l’artista sceglie di lavorare con l’alluminio per un risultato vulnerabile e strutturato. “Queste opere sono sull’orlo di qualcosa, lo stato liminale tra una forma e l’altra. Scelgo di lavorare l’alluminio perché si può fare molto con l’alluminio, è un materiale che può essere modellato nel modo in cui ne ho bisogno per utilizzare appieno il mio linguaggio, da una posizione quasi da regista. La mia opera fa riferimento al corpo umano nelle sue proporzioni, ad esempio l’altezza di Bloated è pari alla mia in piedi, 153 cm, sulla sedia a rotelle sono alta 123 cm”, racconta Angela de la Cruz.

L’artista sceglie un linguaggio minimalista, dove i suoi lavori sembrano sull’orlo di trascendere il loro stato attuale per esplodere nell’oltre di sé, lavora spesso in serie formando un monocromatismo di opere in bianco, l’unico colore presente in mostra è il blu dato a Stuck Blue istallata fuori dallo spazio espositivo. Il filo conduttore dei lavori a un apparente carattere duro è bensì l’umorismo, fattore con il quale Angela ama relazionarsi, quasi facendosene scudo.

Tags:

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!