TONY OURSLER. Open Obscura

TONY OURSLER. Open Obscura è la rassegna presentata al PAC Padiglione d’Arte Contemporanea (Milano) lo scorso 19 marzo.

L’evento è stato promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, curato da Gianni Mercurio e Demetrio Paparoni e prodotto da PAC, 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE e MiArt su progetto di Madeinart.

La mostra apre i battenti in contemporanea con l’edizione MiArt 2011 ed è una delle occasioni durante le quali esporre le opere di Tony Oursler.

La critica di tutto il mondo ritiene che l’artista statunitense sia una personalità di grande rilevanza nella storia recente della video arte, dandogli pieno titolo nell’ideazione video-scultura.

Non a caso, i lavori realizzati dal suo ingegno fanno parte delle collezioni delle più grandi pinacoteche d’arte moderna e contemporanea internazionale… dal MOMA di New York alla Tate di Londra.

La kermesse, che durerà fino al 12 giugno, permetterà allo spettatore di ammirare l’estro di Oursler e le sue sperimentazioni. L’artista, infatti, adopera il video con metodi del tutto innovativi.
Egli crede fermamente che la nostra cultura contemporanea possa essere espressa al meglio attraverso le immagini in movimento, più che con quelle statiche.

Le figure dinamiche, però, secondo Tony Oursler non devono limitarsi al monitor di un televisore o alla proiezione su una superficie uniforme. Queste sono le motivazione che hanno portato l’artista americano a fondere la scultura con la video arte,  il design, l’installazione e la performance.

Leave a Comment

Tempo esaurito. Ricarica il codice!